Home » Fioretti del Duca Santo » Fioretti del Duca F. I '5

Fioretti del Duca F. I '5

Sfidato a Duello

Sfidato a Duello - Tomasi et Palma

Una volta il Duca fu offeso da un Cavaliere.

Sollecitato  a gettar il guanto di disfida, declinò la provocazione.

Commentanto dopo qualche tempo  l' accaduto con i due figli Giuseppe e Ferdinando, fatti grandicelli

Diceva  "No ! Un buon Cristiano non deve ricevere disfida nè disfidare".

 

Don Giulio , infatti, era profondamente rattristato da codesto andazzo di "Nobili  assai più barbari che generosi",

perchè erroneamente, " repuavano le sfide come trofei d'onore"

Egli invece sosteneva calorosamente che " Sconveniva ai seguaci di Cristo il perovocare duelli o l'accettarli",

per tre fondamentali ragioni: perchè così facendo

" Affogavano nel sangue la carità: Anima del Vangelo"

"Che il Valore degli spiriti grandi è disonorato da questa furiosa passione : non meritando nome di coraggio quello che non è regolato dalla Ragione e dalla Prudenza"

"Che ,infine, il tollerare, senza perurbazione di sdegno le offese, non è avvilire, Ma aggrandire la Nobiltà"

 

Spendido Esempio di Saggezza!!!

 

 

 

 

 

Anteponeva al prorio interesse l'utile altrui...

Anteponeva al prorio interesse l'utile altrui... - Tomasi et Palma

Una volta si presentò al Duca , Giseppe Schembri Ministro del Principato un "computista", il quale pretendeva trena scudi per certe sue prestazioni.

Ma  al momento di saldarei conti, non fu in grado di produrre pezze di giustificazione.

A queso punto, il Ministro rimase molto perplesso, nono sentendosi tranquillo in coscienza di prendersi tanta libertà di iniziativa a favore del computista, ma a palese danno del suo Duca.

E, così andò a riferire dettagliatamente la controversia al Duca. Questi nondimeno, a

troncare ogni contesa ordinò che gli fossero dati.

 

Frà Biagio della Purificazione, che riferisce il fatto nella biografia del Duca, commenava anto causticamente tanta sua liberalità scrivendo:

" Azione non molto consueta a quelli che, con la Sovranità, possono farsi Arbitri della Giustizia"!

   

 

 

/